Gioia di vivere grazie al pacemaker linguale

Basta alla sonnolenza diurna!

A causa di una grave forma di apnea del sonno, Ilona Mohr soffriva di una forte sonnolenza diurna e riusciva a stento a gestire la sua vita quotidiana. Grazie all'innovativa terapia Inspire, oggi è di nuovo attiva e può trascorrere al meglio il tempo con i suoi cari.


Paziente soddisfatto dell'apnea del sonno

La stanchezza la accompagnava costantemente

Per Ilona Mohr, la famiglia è tutto. In seguito a un grave incidente automobilistico, trascorre il suo tempo libero da pensionata con i suoi cari e gli amici, specialmente la nipotina di 7 anni. Il fatto che oggi lei abbia una tale energia da dedicare ai bambini e alla nipotina non è una cosa scontata. Per molti anni si è sempre sentita esausta e letargica. A causa dei disturbi del sonno, soffriva di sonnolenza diurna e trovava sempre più difficile svolgere anche le semplici attività come rifare il letto. Anche la nipotina aveva notato che qualcosa non andava.

"Nonna, non voglio più restare a dormire da te. Ho paura che nel sonno tu smetta di respirare."

Ilona Mohr aveva riconosciuto la gravità della situazione e si era rivolta a un medico.


La diagnosi di apnea ostruttiva del sonno

Presso un laboratorio del sonno, i medici avevano ricercato le cause della sua sonnolenza diurna e delle apnee notturne e infine avevano riscontrato una forma grave di apnea ostruttiva del sonno. Nell'apnea ostruttiva del sonno, la lingua del paziente si rilassa eccessivamente durante il sonno e blocca le vie aeree. A causa di queste apnee si verifica una carenza di ossigeno, alla quale l'organismo reagisce svegliandosi. Per via dei frequenti risvegli notturni, i pazienti come Ilona Mohr soffrono di una forte sonnolenza diurna.

Se l'apnea ostruttiva del sonno non viene trattata in modo sufficiente, il paziente è maggiormente a rischio di sviluppare varie complicanze, quali pressione sanguigna alta, malattie cardiache o diabete.

Per ridurre i sintomi, a Ilona Mohr era stata fornita una terapia con maschera respiratoria, la cosiddetta maschera per CPAP. Tuttavia, questo trattamento non rappresentava una buona soluzione a lungo termine:

"Nell'incidente automobilistico ero rimasta incastrata e mi avevano dovuta estrarre dalle lamiere. Da allora vado nel panico quando mi sento costretta. Ogni sera cercavo di indossare la maschera, ma proprio non ci riuscivo"

racconta Ilona Mohr. La claustrofobia e gli attacchi di panico sono problemi riferiti frequentemente con la maschera per CPAP.


La speranza grazie all'innovativa terapia Inspire

Telecomando del pacemaker linguale Inspire

Senza la maschera respiratoria, i pesanti sintomi dell'apnea ostruttiva del sonno si erano ripresentati. Inizialmente alla pensionata non era stata proposta un'alternativa alla maschera per CPAP. Pertanto, aveva cercato di convivere con gli effetti della sua malattia finché, durante una notte insonne, aveva visto per caso un servizio sull'apnea ostruttiva del sonno in televisione.

Il pacemaker linguale era presentato come un trattamento alternativo alla maschera per CPAP. In seguito alla trasmissione televisiva, Ilona Mohr nutriva nuove speranze e il giorno dopo aveva già fissato un appuntamento presso un centro di trattamento Inspire, come quello di Montpellier. Lì la sessantenne era stata esaminata per verificare la sua idoneità alla terapia. Ilona Mohr non era affatto preoccupata dell'intervento imminente:

"Spero semplicemente di poter finalmente tornare ad avere una vita normale e di non addormentarmi più durante una conversazione."

Anche il suo medico curante aveva dissipato ogni timore nella pensionata, fornendole informazioni complete sulla procedura.


Una nuova vita grazie alla terapia Inspire

Dopo l'impianto e l'attivazione del sistema Inspire, Ilona Mohr aveva avuto la sensazione di essere cambiata. Il trattamento le aveva dato non solo più energia, ma anche il coraggio di intraprendere cose nuove. A causa del suo continuo stato di letargia e stanchezza, prima non osava iniziare una nuova relazione. Invece, da circa un anno ha al suo fianco un compagno con il quale godere la sua vita quotidiana riconquistata. Anche i suoi familiari sono felici del successo della terapia, specialmente la nipotina:

"La mia piccolina è contenta che io abbia di nuovo tanta forza. Racconta entusiasta di riuscire ad accendere e spegnere la nonna semplicemente con un telecomando."


torna alla pagina principale


Altre domande sulla terapia Inspire?